NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il sito che state visualizzando utilizza cookies che lo rendono più funzionale ed usabile dagli utenti. I cookie che utilizziamo non registrano alcun dato personale ed eventuali dati che venissero riutilizzati non verranno memorizzati se non sul vostro browser.

1. Cosa si intende quando si parla di cookie? (da "GarantePrivacy")

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di "terze parti"); ciò accade perché sul sito web visitato possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini  che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, sono quei cookie che vengono impostati da un sito web diverso da quello che si sta attualmente visitando.
I cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server e di norma sono presenti nel browser di ciascun utente in numero molto elevato.
Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookie, che in alcuni casi sono quindi tecnicamente necessari: a titolo esemplificativo, l'accesso all'home banking e le attività che possono essere svolte sul proprio conto corrente online (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.) sarebbero molto più complesse da svolgere e meno sicure senza la presenza di cookie che consentono di identificare l'utente e mantenerne l'identificazione nell'ambito della sessione.
I cookie possono rimanere nel sistema anche per lunghi periodi e possono contenere anche un codice identificativo unico. Ciò consente ai siti che li utilizzano di tenere traccia della navigazione dell'utente all'interno del sito stesso, per finalità statistiche o pubblicitarie, per creare cioè un profilo personalizzato dell'utente a partire dalle pagine che lo stesso ha visitato e mostrargli quindi pubblicità mirate.
Alcuni cookie durano solo per la sessione di navigazione, quindi quando il browser sarà chiuso si auto elimineranno; altri invece sono memorizzati dal browser dell'utente sul suo computer e permetteranno il riconoscimento dell'utente quando tornerà a navigare su sul sito (permettendogli, ad esempio, di essere loggato senza dover inserire la password).
2. Posso disabilitare i cookie?

Certo, ma perderai alcune funzionalità e preferenze che potresti aver settato sul sito. Per disabilitare i cookie basterà entrare nelle preferenze del tuo browser e seguire le istruzioni che ogni browser riporta nella guida.

3. L'utilizzo di Google Analytics e AdWords

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies" per consentirci di analizzare come gli utenti utilizzano il sito, permettendoci di migliorare il nostro servizio con gli opportuni accorgimenti.
Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web da parte Vostra (compreso il Vostro indirizzo IP) verranno trasmesse a, e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per i nostri amministratori web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, ma ciò potrebbe impedirvi di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
Utilizzando il presente sito web e confermando nel banner in primo piano del sito, voi acconsentite all'utilizzo dei cookie per fornire le funzionalità sopra indicate
Per disabilitare l'utilizzo di Google Analytics durante le vostre sessioni di navigazione sul sito è possibile farlo installando un plugin sul vostro browser. Potete farlo partendo da questo link e seguendo le istruzioni: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it
4. L'utilizzo di plugin legati a Social Network

Il sito che state visualizzando utilizza plug-in realizzati da terze parti, che, qualora attivati, si interfacciano con i vari social network e possono trasmettere dati di navigazione, inclusa la vostra identità se siete loggati nei suddetti Social. Se si desidera evitare questa possibile trasmissione di dati si consiglia di eseguire il logout da tutti i social network prima di accedere a questo sito.
Facebook, Twitter, Google+, Instagram, Pinterest sono marchi registrati ed appartengono ai rispettivi proprietari.

Modifica delle impostazioni dei cookies e disattivazione

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice:

Firefox:

1. Apri Firefox
2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.
Internet Explorer:

1. Apri Internet Explorer
2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
4. Quindi clicca su OK
Google Chrome:

1. Apri Google Chrome
2. Clicca sull’icona “Strumenti”
3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze
Safari:

1. Apri Safari
2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto ( contrassegnato da un punto interrogativo)
4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

 

Enogastronomia

enogastronomia1

Enogastronomia

 L'enogastronomia lungo la Via degli Dei!

 

 

 

021215073721mortadella-2Mortadella di Bologna

Divenuta uno dei simboli di Bologna nel mondo, la mortadella è un salume di carne di puro suino, triturata finemente e mescolata con lardo, lievemente aromatizzata con spezie, poi insaccata e cotta. Nata probabilmente nel I secolo, nel museo archeologico di Bologna è conservata la prima testimonianza della sua produzione: sette maialetti condotti al pascolo e un mortaio sono raffigurati su una stele di epoca romana imperiale. Dal 1998 la “Mortadella Bologna” può inoltre fregiarsi del marchio IGP.

 

 

Vite 2007 012Vite del Fantini

Si tratta di un vitigno non identificato, probabilmente uno dei pochi esemplari sopravvissuti all’epidemia di filossera di fine ‘800. Fu fotografata nel 1965 dallo speleologo locale Luigi Fantini che le attribuì un’età di circa 300 anni. L'uva ha bacche grosse, il vino che se ne ottiene è di colore rosso-rubino, con riflessi violetti: i contadini più anziani la chiamavano “il vitone del Seicento” e sostenevano si trattasse del famoso “nigartein” (negrettino), una varietà d'uva nera coltivata fino all'inizio del secolo, poi scomparsa.
Nel 2009 è stata registrata nel Registro Italiano Vigneti con il nome di “Vite del Fantini”.

 

 

zivieri-400x225La carne di “Zivieri”

Una tappa è d’obbligo in questa macelleria storica di Monzuno, conosciuta in tutta Italia. Si possono acquistare salumi di ogni genere per “imbottire” il classico panino, il prosciutto affumicato dicono sia di una “libidine scioccante”. I numerosi riconoscimenti per la qualità del lavoro e le carni apprezzate non solo dalla clientela, ma anche dai più grandichef italiani, la rendono un luogo che vi consigliamo di non perdere assolutamente durante il vostro viaggio. Per nutrire corpo e spirito!

 

 

carta pane clip image002Pane montanaro

Mentre siete in viaggio vi consigliamo di provare il tipico pane casareccio dell’Appennino bolognese, detto “montanaro”: ha una forma leggermente allungata con una spaccatura centrale, la crosta è croccante e ha un colore giallo scuro che ricorda il cereale maturo. Si può abbinare a miele o confetture o usarlo nelle zuppe, ma cosa ne dite di farcirlo con i salumi montanari? Una perfetta merenda durante il cammino!

 

 

gemma di abetoLiquore Monte Senario: Gemma di Abeto

Risale al 1865 il liquore inventato nell’antica farmacia conventuale di Monte Senario, una ricetta (segreta) composta da spezie ed erbe officinali che i frati si sono tramandati fino ad oggi. Si chiama Gemma d’Abeto perché un tempo la lavorazione partiva dalla raccolta manuale delle gemme d’abeto attorno al convento. Oggi quattro frati si occupano della produzione di questo liquore dal sapore deciso, dato dalle piante che lo compongono: tra queste lo zafferano, che dona la colorazione naturale che lo caratterizza.

 

 

acqua-pannaAcqua Panna

Lo sapevate che la sorgente della celebre Acqua Panna si trova lungo la Via degli Dei? Precisamente a Scarperia, in un territorio rigoglioso ricco di boschi, all’interno di una tenuta che si estende su una superficie di più di 1300 ettari e che fu l’antica riserva di caccia dei Medici. Un’acqua che scorre letteralmente tra natura e storia!

 

 

intero-uht-mukki

 Latte Mukki

Nel Mugello potete gustare anche il latte delle mucche dei Medici: ebbene sì, le stalle qui presenti risalgono all’epoca della nobile famiglia fiorentina, che nel 1400 impiantò in questa zona un allevamento di bovini da latte di razza bruna. Oggi le pronipoti di quelle mucche producono il latte di Mukki, la Centrale del Latte della Toscana, e grazie ai pascoli di questo splendido territorio sono dette “mucche felici”.

 

 

16-zafferanoZima di Firenze

Era già celebre all’epoca del Rinascimento la zima, lo zafferano delle colline fiorentine: lunghi filamenti rosso porpora dal gusto intenso e aroma inconfondibile, nel Medioevo la Zima veniva utilizzata come valore scambio di merci oltre che in cucina e in pittura e i clienti che volevano acquistarla sopraggiungevano da ogni dove. Negli ultimi anni questa antica coltivazione è stata ripresa ed è divenuta un presidio da tutelare e valorizzare.

 

 

tartufo-bianco-ED3Z1U9ZIl tartufo dell’Appennino

L’Appennino bolognese nasconde nei suoi terreni argillosi e sabbiosi un tesoro pregiato, il celebre tartufo bianco: il caratteristico profumo aromatico, diverso da quello degli altri tartufi, ricorda l’odore di terra bagnata e di sottobosco. Questo nobile prodotto è diventato il protagonista di Tartufesta, evento che da 23 anni coinvolge 13 comuni della zona nei mesi di ottobre e novembre. Se percorrete la Via degli Dei in questo periodo quindi non fatevi scappare questa occasione… ghiotta!

 

 

finocchiona-CopiaFinocchiona

Decantata persino da Niccolò Machiavelli, la finocchiona risale probabilmente al periodo tardo medievale o rinascimentale, epoca in cui fece per la prima volta la sua comparsa a Firenze. E’ un insaccato di carne di maiale macinata, bagnata col vino rosso e aromatizzata con i semi di finocchio, che le conferiscono il suo sapore caratteristico.
E’ con lei che vogliamo chiudere il vostro viaggio enogastronomico, che, cominciato a Bologna con la mortadella, non poteva che concludersi a Firenze con la finocchiona!

 

 

albero-di-castagne-castagnoIl bosco degli alberi del pane

Il castagno è una delle piante simbolo dell’Appennino in quanto fonte di sostentamento per le popolazioni di montagna. Nella tradizione viene chiamato “albero del pane” perché dai suoi frutti si ricava una farina utilizzata per diverse preparazioni, dolci e non.Il castagnaccio è il dolce a base di castagna più tipico di queste zone.

 

 

 

banner app

banner appennino slow

banner crea percorso

Con il patrocinio di...

Con il patrocinio new