Sito realizzato da:

infosasso_150.gif

&

aps.jpg

La Via degli Dei e tutti i marchi contenuti nel presente portale sono registrati. Ogni riproduzione anche parziale è vietata. E' vietato l'utilizzo del logo della Via degli Dei senza autorizzazione, il logo è registrato per proteggerlo da usi commerciali, quindi è utilizzabile per scopi non commerciali, giornalistici. Per altri scopi si deve richiedere autorizzazione, la vostra richiesta verrà vagliata dai coordinatori. Via degli Dei - info@infosasso.it

#inmontagnasiamotuttiuguali

In Montagna siamo tutti uguali è un progetto di Appennino Slow, in collaborazione con Noisy Vision, che riguarda il turismo accessibile e propone il trekking come veicolo per la scoperta dell'Appennino Tosco Emiliano attraverso un'avventura, accessibile e sicura, da condividere tra vedenti e non vedenti, per abbattere la barriera anche psicologica che li divide.

Il progetto è stato premiato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Mibact) e da Invitalia.

Foto di NoisyVision

 

Camminare lungo un sentiero, riconoscere i profumi delle erbe, scoprire come si fa un formaggio,arrampicarsi sulle rocce... tutto in una proposta turistica "chiavi in mano", studiata e costruita ad hoc per persone con disabilità visive che cercano momenti di relax e divertimento e non pensano di essere tagliatifuori da questo tipo di opportunità.

L'itinerario individuato è la Via degli Dei, il percorso storico che collega Bologna a Firenzeattraversol'Appennino, che conosciamo bene, proponiamo da anni in Italia e sul mercato straniero e che vieneconsiderato da molti la "Santiago" italiana.

I nostri partner:

L’idea proposta è partita dall’esperienza maturata con Noisy Vision (progetto informativo per diffondere la conoscenza della Sindrome di Usher e delle disabilità sensoriali) che nel 2016 ha portato sulla Via degli Dei un gruppo di 12 escursionisti ipovedenti provenienti da tutta Europa.

Visita  il sito di Noisy Vision .

I nostri obiettivi:

Il nostro obiettivo è quello di promuovere un turismo accessibile, studiando i bisogni del target di riferimento, individuandone le necessità ed arrivando a sviluppare intorno a queste esigenze un vero e proprio "prodotto turistico" che renda l'Appennino Tosco-Emiliano una "destinazione" per persone con disabilità visiva. Vogliamo quindi creare un'offerta completa (trekking, guida, accompagnatore, servizi trasporto bagagli, trasporto, pernottamento, pranzi al sacco, cene, visite guidate, laboratori sensoriali....) che possa soddisfare le richieste di chi ha voglia di partire per... un'avventura!

La sfida è:

1) In termini di "Accessibilità" in quanto si propongono viaggi fruibili ad ipovedenti (e non solo) tenendo conto delle loro specifiche esigenze. Le difficoltà dell'ambiente verranno superate grazie a persone formate, preparate e sensibilizzate al tema.

2) In termini di "Sostenibilità" perchè si parla di viaggi "lenti", a basso impatto ambientale ma ad alto valore sociale, alla scoperta della forte e spiccata identità delle popolazioni locali ospitanti (gli accompagnatori saranno residenti e l'accoglienza sarà studiata per sviluppare un clima di convivialità).

3) In termini di "Collaborazione": fare rete tra Pubbliche Amministrazioni e operatori privati,associazioni del territorio e enti di rappresentanza e tutela di persone con disabilità visive

Un'altra esperienza di cammino accessibile con Noisy Vision ed Appennino Slow si è conclusa! Riviviamo quei momenti con questi video-racconti delle tappe. Un'avventura che resta nel cuore!

La Prima Tappa 

La Seconda Tappa 

La Terza Tappa 

La Quarta Tappa 

La Quinta Tappa 

La Settima Tappa